Rottura del legamento crociato anteriore

La rottura del legamento crociato interiore è un infortunio spesso dovuto a movimenti forzati di torsione o iperestensione del ginocchio. L’instabilità legamentosa causa dolore e impossibilità di svolgere attività anche di carattere quotidiano e porta all’instaurarsi di un processo artrosico precoce. L’unica possibilità di intervento è la ricostruzione chirurgica.

#MEDICINA_RIGENERATIVA

La ricostruzione del legamento può avvenire con tendini di origine autologa (semitendinoso/gracile o rotuleo) ed è effettuata in artroscopia. La medicina rigenerativa può accelerare il processo di integrazione del tendine che necessita di essere rivascolarizzato dopo il trapianto. Associando una corretta riabilitazione, è possibile un recupero più rapido e ad una maggior forza di tenuta del neo-legamento. La medicina rigenerativa diminuisce inoltre il dolore post-operatorio anche nella zona di prelievo del tendine autologo.

#NO_DOLORE

La chirurgia del ginocchio è associata a dolore moderato o severo nel post-operatorio. È possibile effettuare un’analgesia post-operatoria attraverso il blocco del canale degli adduttori e garantire al paziente di deambulare senza dolore fin subito dopo l’intervento. L’estrema precisione del blocco loco-regionale è garantita dalla guida ecografica che garantisce il cento per cento dell’efficacia.

#FAST_TRACK

Una tecnica che consente un controllo ottimale del dolore, senza influire sulla capacità motoria, è uno strumento prezioso per migliorare il percorso post-operatorio e garantire un più veloce e benefico recupero. La mini-invasività del gesto chirurgico unita all’anestesia loco-regionale permette la realizzazione dei percorsi ERAS (Enhanced Recovery After Surgery) e FTS (Fast Track Surgery).



Hai qualche dubbio o curiosità?

Compila il form a lato con le informazioni richieste.





CONSENSO alla COMUNICAZIONE COMMERCIALE